Cerca
iscriviti alla newsletter
artedonne


Iscriviti

Spettacoli Teatrali: STRAPPI Rabezzana,Violato - DREAMS DOUBT DEBTS Silvia Gribaudi

DREAMS DOUBTS DEBTS
Il progetto nasce dall’incontro tra Silvia Gribaudi, originale danzatrice e coreografa, e Giuliana Musso, attrice e autrice teatrale che in questo spettacolo coniugano il linguaggio della danza contemporanea e quello del teatro civile affrontando il tema dell’eccessivo indebitamento e delle nuove povertà. Povertà non solo economica: mentre si perdono posti di lavoro e i redditi si fanno sempre più incerti e precari, la società dell’ottimismo invita ad un consumo compulsivo, genera bisogni fittizi,confonde le misure e i pesi con cui da sempre ci si rapportava al reale.
 

SILVIA GRIBAUDI, coreografa e performer torinese, risiede e lavora in Veneto dal 2004. Dal 2008 al 2010 è stata docente di danza all'Accademia Teatrale Veneta. Tra i suoi lavori e premi: "Unattimo" (2008 - selezione Anticorpi Explo), "A Corpo Libero" (vincitore premio pubblico e giuria GD'A Veneto 2009 - selezionato Aerowaves - Dance Across ), "Spring" 2010 (Theaterschool - Amsterdam School of the Arts). Ospite nel 2010 e a The Creative Forum for Independent Theater Groups, Europe- Mediterranean Alessandria d'Egitto e nel 2009 alla Biennale di Venezia. 
Segue progetti internazionale quali SNDO2010 (Amsterdam / Bassano del Grappa), Triptych 2011(Operaestate Festival Veneto/CSC - Regione Veneto, Circuit Est Montreal, Thedance center Vancouver). Nel 2011 ha tenuto laboratori per donne Over 60 dal titolo “Non è mai troppo tardi”. Sta lavorando ad una nuova produzione con il coreografo israeliano Sharon Fridmann e collaborando a progetti di ricerca con l'artista visiva Anna Piratti.
 

STRAPPI
Partendo da un lavoro di ricerca che coinvolge attivamente le donne, ex lavoratrici del cotonificio Leumann di Collegno che hanno partecipato alle lotte per la difesa del loro posto di lavoro e delle case del villaggio Leumann negli anni '70, la drammaturgia intreccia questa narrazione con testi e testimonianze sulla realtà odierna del “non lavoro” delle donne.
La storia delle lavoratrici della Leumann diventa lo strumento per una riflessione sui cambiamenti avvenuti nel rapporto donne – lavoro: il novecento con l’occupazione femminile in costante aumento e la realtà contemporanea segnata dalla precarizzazione e da nuove e spesso contraddittorie strategie di sopravvivenza, tutte da indagare.

STRAPPI
uno spazio ripieno di un vuoto pesante, di un silenzio assordante
un mondo attraversato da semafori che regolano strade abbandonate
confusa tra polvere, scarti e macerie una donna ci aspetta
lì da sempre scandaglia i ricordi di una lunga vita fatta di lavori, gesti, emozioni, canti, parole, rabbia............
dipinge un mondo quasi in estinzione ....
un mondo che ci interroga e chiede risposte.
 dall'altra uno spazio ricolmo di suoni, ritmi , colori
non ci sono ricordi solo parole del qui ed ora
solitudini  frenetiche figlie di un mondo nuovo che ha fatto a pezzi il lavoro
un mondo spesso incomprensibile .......non ne troviamo il senso.
 qualcosa si muove
un soffio, uno zefiro, un sospiro, una canzone

regia Rosanna Rabezzana, Mirella Violato
con Zahira Berrezouga, Stella di Benedetto, Francesca Rizzotti, Antonella Usai
video: Irene Dionisio, Francesca Cirilli - scenografia: le stoffe di Anna Sagna - disegno luci: Giorgio Benfatti - musiche: The Sweet Life Society - testimonianze: Michelina Marietta Aleina, Gianna Castronovo, Maria Cappucci, Rita Fiore, Elena Fusaro, Felicita Giardino, Maria Teresa Rodotà, Giulia Russo

per info su registe e attrici cliccare sui loro nomi nel programma in home page